CIAO MASSIMO!

massimo (2)

…Un amico, un compagno che con noi ha messo in piedi questo progetto sindacale e che con noi ha vissuto tante battaglie. Sempre al fianco dei lavoratori che rappresentava con passione senza timori reverenziali con umiltà e la dignità del suo sguardo fiero ma gentile di cui noi tutt* faremo tesoro per continuare a lottare….
Massimo Bolognini, delegato di Cub Poste e uno dei tre coordinatori della Federazione CUB di Bologna, e uscito ieri sera dalla sede di via Petroni e mai piu varcherà quella soglia. Siamo rimasti basiti e increduli, oggi, alla notizia della sua morte avvenuta stanotte. Con lui abbiamo fondato qualche anno fa la federazione e con lui, al fianco di tanti lavoratori del suo settore, le Poste, ma anche delle fabbriche, degli appalti, del commercio e della ristorazione, abbiamo lottato contro ingiustizie e soprusi. Con lui tutti i giorni combattevamo contro gli attacchi, sempre piu pesanti, al sindacalismo di base e alla rappresenza diretta dei lavoratori. Con il suo ricordo nel cuore noi continueremo a lottare e a lui diciamo ciao Massimo!
Federazione CUB Bologna

CUB-SUR su centro stampa unibo – così si svilisce il Personale e si buttano i soldi!

crudelia

Centro stampa d’ateneo: fermate quel bando di esternalizzazione!
Così si butta il denaro pubblico e si svilisce il personale!

Il centro stampa dell’ateneo di Bologna è stato chiuso a partire dall’8 Maggio 2015. Nessuno è stato informato della situazione e chi normalmente utilizzava il centro stampa si è visto recapitare una mail con scritto che, per qualsiasi necessità, si sarebbe dovuto rivolgere all’esterno.
Un fulmine a ciel sereno per tutti! Ora, sembra che l’ateneo stia studiando l’ennesima esternalizzazione di servizi, che certamente farà lievitare i costi per tutti gli utenti interni o esterni che se ne servivano! Ma non si deve risparmiare in questo momento di crisi e di tagli? Continua a leggere

Unibo – La brutta diagnosi e la peggior prognosi del Dottore (o meglio: Direttore Generale)

1768833-balanz

Una sentenza del TAR annulla la circolare secondo la quale dovremmo recuperare le visite mediche; il Direttore Generale non può più attaccarsi alla Circolare per ottenere il risultato desiderato…e allora si attacca alla sentenza che la annulla, OTTENENDO MAGICAMENTE LO STESSO EFFETTO DELLA CIRCOLARE ANNULLATA.

Brevi considerazioni:

  1. Cambiando non solo l’ordine degli addendi ma anche i segni algebrici e in ogni caso il DG riesce a trarre lo stesso risultato!
  2. Questa è una prova di alta prestidigitazione, Houdini era un dilettante a confronto.
  3. Ma cos’ha l’amministrazione contro la nostra salute? Vuole risparmiare alle casse dello Stato di pagarci la pensione, evitando di farci arrivare vivi a quella età?
  4. Passando, infine, al serio: bisognerebbe chiedere al dottore (quello che fa il DG e che pare avere la cura per ogni male) perché allora dal 2008 (vigore del CCNL) al 2014 (arrivo della “famigerata” circolare) l’Ateneo ha applicato le condizioni di miglior favore risalenti al 1992?
    Una distrazione di sei anni o, al contrario, un residuo di senso nel rapportarsi coi dipendenti e con le loro condizioni di vita?

CUB chiede la revoca immediata delle circolari, senza condizioni!

CUB-SUR Unversità di Bologna